Viaggiare alle Barbados

Immagine ForestaBarbados è la più orientale delle isole caraibiche, denominata la "Piccola Inghilterra" dei Caraibi.
Isola prettamente votata al turismo, è il luogo ideale per gli amanti della natura, sport e divertimento.

I mesi migliori per fare visita a questo paradiso sono i mesi del tardo inverno e d’inizio primavera, da febbraio a maggio, quando però i prezzi sono più alti e i luoghi più affollati.
Per chi volesse risparmiare si consiglia il periodo da fine giugno a novembre, quando il clima è più caldo, ma anche più umido e con più possibilità di scrosci d’acqua.

L’isola è molto ben organizzata con i trasporti: dagli efficienti autobus pubblici, ai taxi con tariffe fisse (ricordarsi di chiedere sempre il costo prima di salire), ai minibus gestiti da compagnie private, fino all’aeroporto di Grantley Adams, il più grande dei Caraibi Orientali e punto d’ingresso più importante della regione.
L’aeroporto è dotato di un chiosco (Barbados Tourism Authority, presente anche nel porto di Bridgetown) che può aiutare i viaggiatori a prenotare una stanza, nonchè buon punto di partenza per prendere depliant turistici.
Per scoprire il luogo in macchina è sempre consigliabile chiedere al responsabile del vostro alloggio un’agenzia per risparmiare e ricordate che le strade non sono contrassegnate e la probabilità di perdersi è quindi abbastanza alta.

Immagine BarbadosOltre alle gite presso il capoluogo dell’isola (Bridgetown), a Holetown e al Castello di Sam Lord, meritano una visita: la Sunbury Plantation House, caratteristica casa colonica del XVII secolo; la Flower Forest; Harrisons Cave, un affascinante insieme di grotte calcaree e il Mount Gay Rum Visitor Center, per scoprire la storia e la produzione di uno dei più antichi rum dei Carabi.
Da non tralasciare infine, i parchi marini.

Guida Venezia | Guida New York | Guida Roma | Guida Londra | Guida Firenze | Guida Austria | Guida Praga | Guida Barcellona | Guida Berlino | Guida Parigi | Guida Amsterdam | Guida Madrid | Guida Budapest